Rimedi Fai da Te: Scrub ai Piedi

Cose che ho scoperto durante questa torrida estate

Beh, probabilmente entrambe le mie nonne (una valtellinese e l’altra calabra) mi avrebbero guardata di sguincio perché spreco il cibo per imbrattarmi i piedi. Purtroppo, uno degli inconvenienti dell’alta stagione è che non riesco più a sopportare i calzini e le scarpe chiuse, perciò devo far fronte ai segni sui piedi, tra i quali i postumi delle vesciche o, più semplicemente, l’effetto carta vetrata che sexy non è. E noi che abbiamo il 35 di piedi li vogliamo anche soffici, no?

Lo scrub dovrebbe essere un detergente granuloso in grado di levigare ed esfoliare la pelle asportandone via le cellule morte (che discorso triste).

Io durante questi anni ho sempre usato:

SCRUB LEVIGANTE PIEDI di COLLISTAR (100 ml x ca. 10,00 €) che ha un applicatore in pietra pomice. L’olio contenuto è di germe di grano. La fragranza (veramente molto persistente, a prova di emicrania) sa di agrumi, lavanda e menta. Il trattamento funziona davvero, sono soldi ben spesi, specie per chi in adolescenza ha vissuto i traumi del piede d’atleta e non ha subito trovato il giusto rimedio (in pratica, mi si era quasi consumato un piede… Perciò non ho mai lesinato sulla pedicure!!!).

Ma quest’estate la mia profumeria di fiducia ha chiuso. In più, mi sono comprata vari sandali alti che volevo indossare durante gli aperitivi post-lavoro. Perciò, ho provato varie ricette che ho trovato sul web. La ricetta che si è rivelata più funzionale e che prevede ingredienti low cost e reperibilissimi è questa.

Fase 1: il pediluvio

(beh ovviamente, prima sciacquate i piedi!!!)

tempo: 15 min

  • Acqua tiepida – che dà molto sollievo ai piedi affaticati
  • 1 cucchiaio di bicarbonato (in alternativa di sale grosso) – Il bicarbonato (di sodio) è un ottimo esfoliante e detossinante.

Fase 2: lo scrub

tempo – 10 min

(sui piedi asciutti) – sembrerà una granita al limone. Io l’ho anche messo un po’ in frigorifero mentre facevo il pediluvio.

  • 2 cucchiai di sale grosso – detto anche cloruro di sodio. Drenante, idratante, antiage ed esfoliante
  • 1 cucchiaino miele (non importa quale ma i consigliati sono agrumi, millefiori, acacia o tiglio) – emolliente, addolcente (elasticità). Idratante e umettante (trattiene acqua)
  • 1 cucchiaio di olio d’oliva (idratante ed antiage) o mandorla (idratante e antiage) – io ho voluto provare quello di semi di girasole per fare proprio la cheap ‘n’ chic (rinfrescante, lenitivo, antiage, levigante)
  • Succo di 1/2 limone – per il profumo e per purificare e idratare.

(sciacquate i piedi sotto acqua tiepida corrente e asciugateli bene, specie tra le dita)

!!! consiglio di farlo in una vaschetta così potete buttare via comodamente il composto

!!! vi consiglio anche di farlo prima di andare a nanna così durante la notte i piedi assorbiranno il trattamento e così , come per magia, vi risveglierete come Principesse (almeno per quanto riguarda i piedi)

❤ Miss Raincoat

Venezia (senza svenarsi)

Si è sempre dato per scontato che Venezia è la città ideale per una luna di miele, ma è un grave errore. Vivere a Venezia, o semplicemente visitarla, significa innamorarsene e nel cuore non resta più posto per altro” – Peggy Guggenheim

Arrivare a Venezia

Il mezzo consigliabile è il TRENO, raggiungendo la Stazione Santa Lucia(Da Milano-Centrale il viaggio è di 2h15min con FrecciaRossa a 100 € ca. a/r)

Alloggiare a Venezia

La Bassa Stagione va da novembre a febbraio; la zone meno costose sono la Stazione e Castello (fate attenzione al centro, perché la “fregatura” è dietro l’angolo!)

Un buon hotel potrebbe essere il Tre Archi *** a Cannaregio (Calle Magazzen)

mappa2

 

Dista 15 min dalla Stazione, ha una fermata di vaporetto proprio fuori e un patio/giardino, nonché una vista tra i tetti spettacolare. Nel tragitto stazione – hotel già si possono vedere vari monumenti (Palazzo Foscari Contarini, Chiesa S. M. degli Scalzi, Chiesa e Campo di S. Geremia e Ponte delle Guglie). I prezzi, a seconda della Stagione, variano da 60 – 160 € con colazione inclusa.

Muoversi a Venezia

Cominciamo con il dire che Venezia è visitabile a piedi con camminate da due a sei ore.

Se si preferisce il vaporetto o, più ovviamente, si vuole fare una gita tra il vetro di Murano e i merletti di Burano o tra le altre isole della Laguna, si può acquistare un biglietto turistico su www.veneziaunica.it (20 € per 24 h, 30 € per 48 h e 40 € per 72 h; le isole si visitano in 4 ore, di solito). Per consultare orari e tratte www.actv.avmspa.it .

Mangiare a Venezia

Io consiglio di alloggiare in hotel in modalità b&b e svincolarsi dall’obbligo di orari e pasti mangiando “dove ci si trova quando si ha fame”.

Sempre su www.veneziaunica.it si possono acquistare dei coupon di vario prezzo e menù in molti locali veneziani.

Un buon ristorante tipico è l’Osteria al Cicheto (Cannaregio, Calle della Misericordia), con menù completi a partire ca. da 20 €.

Visitare Venezia

venezia

  1. Canal Grande
  2. Piazza San Marco
  • Campanile
  • Basilica

su www.venetoinside.com campanile a 11€ e basilica a 2€ senza coda

  • Palazzo Correr
  • Palazzo Ducale
  • Museo Archeologico
  • Biblioteca Marciana

su www.visitmuve.it tutti questi musei a 20€

  1. Torre dell’Orologio (da fuori)
  2. Ponte dei Sospiri
  3. Mercerie (shopping, fino al Ponte di Rialto)
  4. Ponte degli Scalzi
  5. (Murano e Burano) (mezza giornata, vaporetto 20 €)

 

❤ Miss Raincoat