Morbegno La Sera è Viva 2018

Haute Saison. In francese, forse, suona più dolce. In italiano si dice “Oh, ma per me quando arrivano le vacanze?”.

Beh, l’avevo messo in conto,comunque, che avrei dovuto badare ai turisti in orario di vacanza e badare a me stessa, mentre i comuni mortali lavorano o sono a scuola o si lamentano di qualcosa sui social. Non mi ero resa conto che avrei perso l’opportunità di poter andare ai concerti migliori della stagione estiva. Punterò sulle piccole serenate notturne, ho deciso! In questo periodo, quindi, si lavora e non si dorme mai. E si cerca di non perdere voce, pazienza e memoria. E a Morbegno, capitale della Bassa Valtellina, un caposaldo di questo periodo è Morbegno La Sera è Viva.

Quest’anno la manifestazione  compie 25 anni. Ergo, è nata prima che io imparassi a leggere e scrivere. Prima che quella str** della maestra P. d dicesse a mia mamma – con me lì presente – che ero troppo goffa e timida per riuscire mai a sembrare intelligente o simpatica o spigliata. . E invece eccomi qui a lavorare tra i migliori, a destreggiarmi tra una serie di oltre 40 appuntamenti che porteranno i turisti a passeggiare dalle Porte della Valtellina, paeselli di mezza costa compresi,  fino alle ridenti sponde del Lago di Como. Ovviamente, dovrei anche ricordare la maestra M. che, invece, ha creduto in me e nella mia innata abilità di raccontare storie avvincenti. E che mi ha insegnato a farlo nel modo corretto, che mi ha insegnato a osservare la meraviglia che mi circonda, ad ascoltare le persone, a gongolare e ad accettare le critiche intelligenti. Che mi ha insegnato a perdermi nei libri e nelle canzoni e a ritrovarci me stessa. La maestra M. mi ha insegnato a orientarmi. La maestra P. … va beh, non voglio dirlo!!!

Io quest’anno, dopo aver proposto monumenti minori o angoli di strade, ho deciso di puntare i riflettori su due dei pezzi forti: l’ex chiesa conventuale di Sant’Antonio e il Palazzo Malacrida di Morbegno. Li ho scelti per vari motivi: a) sono un monumento “sacro” e un monumento “profano” b) rappresentano i due apogei artistici di Morbegno: il Cinquecento e il Settecento c) sia i Domenicani sia i Malacrida rappresentano le personalità più controverse della Bassa Valle.

Qui sotto vi annoto i due appuntamenti:

  • mercoledì 4 luglio h. 20,30  – Palazzo Malacrida
  • mercoledì 11 luglio h. 20,30 – Chiesa di Sant’Antonio

A chi mi dice per primo “beata te che sei sempre in giro” regalerò la mia maglietta preferita. (Ho sentito dire che gli haul tra i blogger sono popolari, no? – Ma io non sono né blogger né popolare. Qui si domano solo unicorni! E si regalano magliette usate. Ahahah).

[per scaricare programma completo e info aggiuntive qui]

❤ Miss Raincoat

Morbegno “La Sera è Viva” #2017

Da più di vent’anni, a Morbegno e dintorni, durante le serate estive (da giugno a settembre), si può partecipare ad una rassegna di visite guidate gratuite messe a disposizione dalle guide de Le Nevi di Un tempo, gruppo del quale anch’io faccio parte.

Per motivi  anagrafici -soprattutto-, quest’anno è la mia quinta edizione di Morbegno La Sera è Viva. Ritengo che questa manifestazione sia ben studiata sia per i turisti sia per la popolazione locale: ambo i due possono approfittarne per conoscere l’arte e la cultura di un territorio che è superficialmente considerato solo per le attrattive naturalistiche ed enogastronomiche. Come Guida, posso dire che l’affetto ed il feedback che ho ricevuto, anche alle goffe prime armi, durante le serate vive è impagabile. In più, quando ho avuto modo d’incontrare visitatori più preparati di me, ne ho approfittato per imparare sul campo. Ecco, se dovessi definire MLSV, direi che è un salotto arredato tra i monumenti della Bassa Valtellina dove sia la Guida sia il turista possono condividere il loro amore per l’Arte. 

Ovviamente, un evento di questa portata richiede un impegno particolare, rispetto ad una visita guidata tradizionale (con gruppo prestabilito e pagante). Bisogna preparare dei percorsi accattivanti sia per chi non conosce nulla sia per chi conosce già tutto del territorio; non si ha mai la certezza dell’entità numerica e pre-culturale del gruppo; l’umidità serale non giova né alla cervicale né alle corde vocali (#nonhaipiù20anni); il servizio è garantito anche in caso di diluvio universale o blackout elettrico (#vitadarockstar

collage.jpg

Io, quest’anno ho proposto:

27 luglio: Esterno del Santuario dell’Assunta (foto in alto a destra)

4 luglio: Passeggiata da Piazza Tre Fontane a Via San Marco –  passando per il Polittico “dello speziale” (foto in basso a destra) , Cappella degli Angeli Custodi, Palazzo Malacrida e Affresco dell’Immacolata Concezione (foto a sinistra)

11 luglio: Passeggiata in Via Ninguarda / Pozzo Modrone – passando per l’affresco de La Madonna/San Giuliano sulla facciata del “Valtellina”, mascherone leonino, Palazzo Arcipretale e Casa Natale di Feliciano Ninguarda

Qualche Info su Questi Siti

[Dopo aver finito di dedicarmi ai turisti durante questi giorni caotici, me ne andrò in vacanza anch’io!!! Prometto che al mio ritorno vi racconterò un po’ dei miei days off]

Buone Vacanze!!!

❤ Miss Raincoat