Josei Ukiyo

Josei Ukiyo sono io quando faccio finta di essere una scrittrice. ll mio pseudonimo è formato da due parole giapponesi che significano “giovane donna (josei)” e “mondo fluttuante (ukìyo)”. Scrivere, per me, non è mai stato solo un hobby. Lo è perché lo faccio aggggratisss, ma non lo è perché mi è necessario. Spesso, poi, mi affeziono dei personaggi che faccio nascere e crescere. Tengo anche un diario (segretissimo) dal 1998, grazie alla mia maestra di italiano (in fissa per Carducci). Ho un amante segreto che si chiama Kindle: il mio libro preferito è “Jane Eyre”; il mio autore preferito è Elias Canetti. Altre cose senza le quali non vivrei: musica, correre, i rossetti e gli aperitivi con gli amici.
Mi guadagno da vivere facendo la guida turistica in una provincia moooolto a nord della Lombardia. Mi piace molto viaggiare (le mie città preferite: Vienna, Copenaghen, Trieste e Parigi), anche se credo che il mio lavoro mi piaccia molto perché mi permette di raccontare i miei luoghi. Ovviamente, il mio mito lavorativo è Alberto Angela – anche se la mia vera icona sarà sempre Debbie Harry dei Blondie.

Ho deciso di raccogliere in questo post (che poi man mano aggiornerò) le mie favelle, che potrete leggere e scaricare tramite il link.

L’odore del Sole (2019) 75 pagine — le vicende si intrecciano attorno alla misteriosa sparizione della tela dell’Estasi di Santa Cecilia e alla fuga di una giovane donna da Varenna (LC) alla profumata e soleggiata Puglia. link: lodoredelsole

Come la Teodora di Manara (2020) 53 pagine — Un omicidio avvenuto nel Palazzo Malacrida di Morbegno (SO) non trova il colpevole come se fosse una partita a Cluedo. A ogni stanza il suo possibile assassino, celato dietro le illusioni ottiche dell’Arte del Settecento. Chi sarà il colpevole? [il racconto avrà anche un sequel]. link: comelaT

Jesus of Suburbia (2021) 17 pagine — L’incontro tra due sconosciuti alla stazione del treno di Sondrio potrebbe diventare salvifico nella risoluzione delle loro rispettive burrasche sentimentali. link: jesusofsub

[post in costante aggiornamento]

Josei Ukiyo

Pubblicità

Cluedo

Un delitto a Tudor Mansion

Dentro le stanze lussuose di Tudor Mansion, era la notte della festa del suo trentesimo compleanno quando il Dottor Black venne assassinato nella casa ereditata da suo zio, sir Hugh, da qualcuno dei suoi invitati…
Ad aiutarlo con i preparativi, era stata la vedova Mrs. Eleanor Peacock, una signora eccentrica e maestra della vita sociale, che da ragazza di campagna era diventata regina dei salotti. Tutti i suoi mariti erano deceduti improvvisamente, tra i quali il suo quasi quarto, Sir Hugh, morto appena dopo l’annuncio del loro imminente matrimonio. Nessuno conosceva la sua vera età, ma era la madre di Miss Kassandra Scarlet e molto amica della madre defunta del Dottor Black.
Miss Kassandra Scarlet era bella, seducente, spietata e manipolativa. Era stata sposata con un famoso produttore cinematografico che, durante il set di un film molto famoso, aveva scoperto il suo tradimento con il Dottor Black. Non solo avevano divorziato, ma questo errore aveva fatto anche crollare a picco le sue possibilità come attrice. I rapporti tra lei e Black, però, ultimamente erano tesi siccome lui sospettava che la madre di lei avesse ucciso suo zio. Invece, lei covava un segreto risentimento verso l’ ex amante che, probabilmente, aveva venduto ai paparazzi la loro relazione clandestina, la quale aveva fatto finire bruscamente la sua carriera.
Inoltre, il Dottor Black aveva una figlia adottata in Cina, la Dottoressa Orchid, una biologa che stava frequentando in Svizzera un dottorato di ricerca in tossicologia delle piante. Suo padre la considerava un genio e non sapeva ancora che era tornata a casa perché l’Università l’aveva espulsa per cattiva condotta.
Però, Cassandra non sospettava nemmeno lontanamente che il vero ricattatore era il Colonnello Mustard, militare in pensione e da tutti considerato un eroe. Peccato che, per anni, avesse venduto biografie e scandali ai paparazzi, tra i quali il diverbio tra il Professor Victor Plum e Sir Hugh, docente stimatissimo di Storia Antica in un’università prestigiosa. Hugh finanziava degli scavi in Egitto ai quali l’eccentrico intellettuale si stava dedicando con passione. La stampa, al momento della morte di Hugh, aveva fatto emergere che anche un collega del Professore, dopo una divergenza di interpretazioni, era tragicamente scomparso. Aveva accettato l’invito di Black perché pensava potesse riprendere gli studi tra le piramidi.
L’unico amico del quale ancora Black si fidava era il Reverendo Jacob Green. Era stato quasi arrestato e prosciolto per contrabbando, frode e riciclaggio ma era pur sempre un prete, che aveva incontrato durante un pellegrinaggio con lo zio e con il quale aveva condiviso qualche scorribanda da playboy.

Miss Raincoat

*Cluedo gioco da scatola molto british, basato sul giallo deduttivo – infatti è stato pensato ed ideato in uno studio legale.